L’addome può apparire rilassato o, nei casi più gravi, “pendulo” assumendo l’aspetto cosiddetto a “grembiule” in seguito a gravidanze, dimagrimenti importanti o semplicemente a causa del passare degli anni.

L’eccesso di cute e del grasso sottocutaneo è tale da determinare una discesa dell’addome sopra il pube; la presenza molto spesso di numerose e profonde smagliature rende la pelle poco elastica e ondulata.

L’intervento di addominoplastica

L’addominoplastica viene eseguita in anestesia generale, peridurale o locale con sedazione, dura dalle 2 alle 4 ore e richiede un’incisione della cute a livello sovra-pubico e verso i fianchi.

L’intervento permette di asportare la cute e il grasso in eccesso dopo lo scollamento del sottocute dai muscoli sottostanti. L’ombelico viene disinserito e riposizionato al cento dell’addome e la cute tirata verso il basso, ravvicinata alla iniziale incisione sovra-pubica e suturata.

In alcuni casi è opportuno, nella stessa seduta, eliminare il grasso sottocutaneo mediante lipoaspirazione o laserlipolisi.

Recupero

L’intervento permette di eliminare grandi quantità di cute eccedente e anche le smagliature presenti nelle regioni sotto e peri-ombelicale. È necessaria una giornata di degenza in clinica e i punti di sutura verranno rimossi dopo 7-12 giorni.

La cicatrice risulta poco visibile poiché viene posizionata al di sotto della linea dello slip e generalmente nascosta in parte dai peli della zona pubica.

In seguito all’intervento è necessario indossare una guaina elasto-contenitiva ed evitare sforzi fisici per almeno due settimane. La ripresa dell’attività sportiva deve attendere almeno un mese.

Prenota una visita